“Il suono che faceva la macchina di suzione quando si accendeva ancora mi perseguita”

Marianne Anderson ha lavorato dall’inizio del 2010 al luglio 2012 presso il Centro Aborti di “Planned Parenthood” a Indianapolis, la struttura che effettua più aborti nello Stato dell’Indiana (Stati Uniti). Oggi afferma che è stata “la cosa peggiore” che ha fatto nella sua vita.

Quando ha iniziato a lavorare lì era favorevole all’aborto,  forse lo giustificava dopo aver visto nell’ospedale in cui aveva lavorato in precedenza ,ragazze che avevano provato a effettuare un aborto da sole, il che la spingeva a dare un “posto sicuro” per le ragazze dove realizzare questa procedura. 
Ma nel suo nuovo posto di lavoro: “varie volte ci sono state difficoltà con gli aborti, e si è dovuto chiamare l’ospedale per venire a prendere la donna in pericolo. Una ragazza è quasi morta dissanguata. Aveva coaguli, la sua pressione arteriosa stava crollando”, ha ricordato la Anderson.

La sua drammatica esperienza la porta oggi a dire che quel centro di aborto è “un succhiasoldi, cattivo, triste, un brutto posto in cui lavorare”. La Anderson era incaricata di applicare la sedazione alle pazienti per via intravenosa.

La Anderson si è ammalata per ciò che ha visto nella stanza ‘POC’ del Centro. POC significa ‘Prodotto del Concepimento’.

“Versavano i prodotti del concepimento in un colino, e poi scaricavano i resti nel gabinetto”.

“Un medico parlava al bambino abortito mentre cercava tutte le parti del suo corpo: ‘Andiamo, braccino, so che sei lì! Ora smetti di nasconderti!’. Solo questo mi ha fatto ammalare di stomaco”, ha dichiarato l’infermiera.

“Il suono che faceva la macchina di suzione quando si accendeva ancora mi perseguita”, ha detto la Anderson.

Un giorno ha visto la pubblicità del libro “Unplanned”, scritto da Abby Johnson, ex direttrice di Planned Parenthood in Texas che ha lasciato il suo lavoro nel 2009 per diventare un’attivista pro-vita. L’infermiera ha letto il libro e ha contattato l’autrice, che l’ha indirizzata a Eileen Hartman, difensore locale pro-vita che dirige nella zona dei Grandi Laghi il Progetto Gabriel, una rete di volontari della Chiesa che aiutano le donne ad affrontare gravidanze difficili o non pianificate.

Attraverso Eileen, l’infermiera Anderson ha preso contatti con tutta la rete pro-vita.

L’infermiera ha iniziato ad essere un “problema” nel centro abortivo, perché “parlava troppo con le ragazze che andavano ad abortire, chiedendo loro se erano sicure di volerlo fare”. Un giorno di luglio l’hanno licenziata, ma proprio in quel frangente “il telefono ha iniziato a suonare nella mia tasca”. Era una chiamata dal Community North Hospital di Indianapolis che le offriva un nuovo lavoro, che svolge ancora oggi. “Ora amo il mio lavoro”, ha dichiarato. “Lavoro con persone  meravigliose”.La Anderson ha raccontato; “Parlare di tutto questo è doloroso, ma allo stesso tempo guarisce”.

Di recente l’infermiera ha partecipato a un ritiro dedicato alla cura spirituale di persone che lavorano nei centri abortisti. Lì è stato chiesto ai partecipanti che ogni giorno che passava scrivessero il nome di un bambino abortito, degli aborti a cui avevano partecipato. La Anderson non ricorda il numero di aborti a cui ha partecipato, ma immagina che “ci vorranno vari anni prima di arrivare a completare la lista”.

Nonostante il suo dolore, ora si dichiara felice.

Be the first to comment on "“Il suono che faceva la macchina di suzione quando si accendeva ancora mi perseguita”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.