Il mio parto a 17 anni è stato difficile, avevo paura di avere altri figli

Salve vorrei raccontare la mia storia…
Avevo 17 anni quando sono rimasta incinta del mio primo figlio.
La gravidanza procedeva bene. Ma… arrivata ai sette mesi  ho avuto minacce d’aborto. Da quel momento i medici mi hanno detto di mettermi a riposo per il bene del mio bimbo. E ci sono stata fino al giorno del parto.
Me lo ricordo come se fosse ieri! La mattina,alle 5, mi si rompono le acque e inizia il travaglio. Un travaglio durato tutto il giorno perché ho partorito alle 17.10 del pomeriggio.

Ho trascorso tre giorni in ospedale e poi ci hanno dimessi. Finalmente eravamo a casa! Ma in quel momento è iniziato il mio incubo. Avevo vomito, febbre, tutto questo per una settimana. Ho deciso quindi di tornare in ospedale e mi hanno dovuto ricoverare perché risultava che avevo emorragia e ancora della placenta dentro di me. Così decidono di farmi un primo raschiamento.

Il giorno successivo però, stavo peggio di prima! Mi fanno un controllo e si accorgono che avevano dimenticato un altro pezzo di placenta dentro…  subisco un altro raschiamento. Fortunatamente questo secondo è andato bene…

Ritorno quindi finalmente a casa e ci godiamo il nostro piccolo ometto.

Io ero molto spaventata, non volevo avere più figli. Ero terrorizzata all’idea di dover subire quello che avevo già vissuto.

Due anni dopo… resto di nuovo incinta! Eravamo emozionati da morire! Un secondo piccolo con noi! Questa seconda volta  il parto è stato una passeggiata: mi si sono rotte le acque alle 14.40 mentre ero a casa e ho partorito alle 14.55!

Ora ho due bellissimi bimbi: uno di 5 anni e il secondo di 3 anni.

Sono tutta la mia vita…

di S.

fonte

Be the first to comment on "Il mio parto a 17 anni è stato difficile, avevo paura di avere altri figli"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.