Cina, vende la figlioletta neonata per 3mila euro per comprarsi l’iPhone e una moto nuova

Ha venduto la figlioletta neonata, di soli 18 giorni, su un sito web. Il tutto per un motivo incredibile: voleva avere i soldi necessari per comprarsi il nuovo iPhone.

Il caso, non il primo, ma non per questo meno preoccupante, è avvenuto in Cina, nella provincia di Fujian: l’uomo ha usato i social media, in particolare la rete QQ, per vendere la figlia per 23mila Yuan (poco più di 3mila euro).

I genitori della piccola, entrambi 19enni, secondo quanto affermano i media cinesi (citati da Metro) non volevano tenere la bambina, e avrebbero preso la decisione a malincuore per via di alcuni problemi economici. “Anch’io sono stata adottata – ha detto la donna – dalle mie parti molte persone cedono i loro figli per risolvere i loro problemi, non sapevo fosse illegale”.

Ma considerando che con i soldi della vendita, il padre di sua figlia ha pensato bene di comprarsi un iPhone e una motocicletta, ecco che qualsiasi discorso sulle difficoltà economiche e similari va a farsi benedire.

A denunciarli, lo stesso acquirente

“Anch’io sono stata adottata – ha detto, invece, la donna dopo il fermo. Afferma che in Cina sia prassi vendere i propri figli a famiglie più agiate per garantire loro un futuro migliore. “Dalle mie parti molte persone cedono i loro figli per risolvere i loro problemi, non sapevo fosse illegale”. Ma, alla fine, la legalità ha fatto il suo corso e la coppia di giovani è stata arrestata dalle autorità. L’uomo è stato condannato a 3 anni mentre la donna a 2 anni e mezzo. A denunciarli lo stesso acquirente della neonata. Al momento la bambina è stata affidata alle cure della sorella dell’acquirente.

 

fonte

Be the first to comment on "Cina, vende la figlioletta neonata per 3mila euro per comprarsi l’iPhone e una moto nuova"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.