A Palermo arriva la Pet Therapy per i piccoli pazienti.

A Palermo, nell’Ospedale dei Bambini sono arrivati conigli, porcellini d’india e cani, ed è iniziato il primo progetto di Pet Therapy per i piccoli pazienti.

Ecuador Therapy DogsI dottori hanno sperimentato che la vicinanza degli animali dà il buonumore e aiuta a sopportare e reagire nel modo migliore ai trattamenti. I bambini, dice la responsabile del progetto Isabella Alioto, possono partecipare all’addestramento dei cani e danno comandi agli animali sulla ricerca del cibo e sul riporto delle palline.intermountaintherapyanimals2

Fra qualche tempo arriveranno anche degli animali di taglia più grande come i pony nel giardino dell’ospedale. Il progetto, che si svolge per due mercoledì al mese, si avvale di una equipe di volontari, addestratori, veterinari, assistenti alla Pet, addetti al trasporto di animali. Pioniere in questo progetto è stato l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze dove la Pet Therapy è presente da circa dieci anni ed è inserita nel Centro terapia del dolore e Cure Palliative.

pet therapy cuccioli in corsiaQui, in situazioni psicologicamente difficili per i bambini e per i loro genitori, come trattamenti odontoiatrici, prelievi di sangue, o in presenza di bambini con vari tipi di disabilità, la presenza dei cani è di grande conforto e permette risultati stupefacenti.

 

La presenza del cane ha diminuito la paura e ha rasserenato il piccolo paziente sottoposto ai trattamenti medici, diminuendo anche il tempo di operatività dei medici.

In questo ospedale, una recente ricerca nel Centro Prelievi, ha accertato che su un campione di bambini dai 4 agli 11 anni, durante il prelievo di sangue “ il livello di dolore e di stress era significativamente inferiore rispetto al gruppo di bambini in cui non c’era la presenza del cane”.

Be the first to comment on "A Palermo arriva la Pet Therapy per i piccoli pazienti."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.