Bambine avvolgono ai pali della luce vestiti per tenere al caldo i senza tetto

Giacche invernali, sciarpe e guanti lasciati in vari punti della città, affinché i senzatetto possano usarli per scaldarsi: succede ad Halifax, in Canada, dove una mamma ha mobilitato la comunità per raccogliere caldi indumenti invernali e li ha poi distribuiti lungo le strade facendosi aiutare da un gruppo di otto bambine.halifax_homeless_01halifax_homeless_03
halifax_homeless_04
halifax_homeless_05 halifax_homeless_06 halifax_homeless_09halifax_homeless_07

Siamo in Nuova Scozia, una provincia orientale del Canada, dove gli inverni sono lunghi e rigidi. Per questo, Tara Smith-Atkins ha deciso di lanciare una raccolta di giacche invernali, guanti e sciarpe, usati ma in buono stato, da destinare a chi non ha un luogo in cui riscaldarsi e trascorrere i mesi invernali.

La risposta della comunità di Halifax è stata pronta e generosa e, nelle scorse settimane, il portico di casa Smith-Atkins si è riempito di buste contenenti indumenti. Così, il 14 novembre, nel giorno dell’ottavo compleanno di sua figlia, la signora ha deciso che era il momento di passare all’azione ed è  uscita insieme a lei e a sette sue piccole amiche per andare distribuire i capi raccolti, regalando a tutte loro un’esperienza davvero diversa.

Per un’ora il piccolo, volenteroso gruppo ha percorso le vie di Halifax legando le giacche ai pali della luce, alle panchine e ai tronchi degli alberi e lasciando su ciascuna di esse un biglietto con su scritto

Non mi sono perso! Se sei rimasto fuori al freddo, per favore, prendimi per mantenerti al caldo!”.

 

Le bambine hanno così vissuto una festa di compleanno decisamente alternativa, imparando una lezione importante sulla generosità e sulla solidarietà. E, grazie a loro e a questa mamma energica e intraprendente, i senzatetto di Halifax avranno qualcosa che li protegga almeno un po’ dalle rigide temperature invernali.

Fonte

Be the first to comment on "Bambine avvolgono ai pali della luce vestiti per tenere al caldo i senza tetto"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.