Venezuela, in ospedale mancano le culle: i neonati finiscono nelle scatole di cartone dei medicinali

Sei neonati che dormono dentro a cartoni della Biogalenic, una marca locale di farmaci, allineati su un tavolo dell’ospedale e identificati con un foglio di carta attaccato con dello scotch. Questa la fotografia comparsa su Twitter per documentare lo stato di degrado in cui versano alcune strutture sanitarie del Venezuela.

 

L’autore degli scatti è Manuel Ferreira, un avvocato venezuelano esperto in diritti umani che così ha voluto sollevare l’attenzione sul fatto che, in mancanza di culle, siano state riciclate le scatole di cartone per accogliere i neonati venuti alla luce negli ospedali pubblici.

 

schermata-2016-09-23-alle-11-53-31

 

 

 

schermata-2016-09-23-alle-11-53-03Il fatto sarebbe avvenuto nel reparto maternità dell’ospedale Domingo Guzman Lander, nello stato di Anzoategui (nord-est del Paese). Il tweet riporta come didascalia una parafrasi del testo di una famosa canzone di Ali Primera, celebre cantautore impegnato: “Che triste come arrivano i bimbi nelle loro culle di cartone”.

 

L’immagine è rapidamente diventata virale e poche ore dopo la sua diffusione, come racconta lo stesso avvocato, i responsabili dell’ospedale hanno proceduto a sostituire le scatole di cartone con vere culle. “La mia denuncia almeno è servita a fare accomodare un po’ meglio quei bebé”, ha commentato Guzman

 

.schermata-2016-09-23-alle-11-53-12

 

Fonte

Be the first to comment on "Venezuela, in ospedale mancano le culle: i neonati finiscono nelle scatole di cartone dei medicinali"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.