Le foto che Facebook censura. Potrebbero essere i nostri figli…

Le foto che Facebook censura.
Eccole qui sono alcune delle tante foto che Facebook censura perché non appropriate, violente, cattive e brutali.
E’ vero sono foto orribili, foto che non dovrebbero  esistere, non dovrebbero mai essere scattate eppure ci sono e parlano di
una crudeltà senza fine.
Vengono censurate, segnalate come spam, nascoste, per evitare che la gente pensi, rifletta, abbia orrore e
terrore, tanto sono lontane dalle nostre vite e dai nostri paesi.
Guardatele bene, e guardate quei bambini con il terrore negli occhi, quei bambini morti per i bombardamenti e quei bambini sdraiati per terra senza vita i cui organi sono  stati venduti al miglior prezzo….sono l’ennesima orribile conseguenza che porta la guerra.
E guardando queste foto, guardando quei corpi straziati penso a mia figlia, a mio nipote  al mio vicino….e li vedo lì,
straziati nello stesso modo.
Se ne parla troppo poco, si parla di altro di politica di referendum, negozi, shopping, e qualsiasi altra cosa …ma non questo.
E’ di nuovo Natale, non abbiamo neanche un momento per pensare, presi nel vortice dei regali delle luci, delle feste, dell’ultimo hi-tec…e questo non è Natale.  Stringiamoci accanto alle persone a noi care, alle persone che amiamo, ai nostri
figli, alle nostre famiglie… noi che ancora una famiglia l’ abbiamo. Il Natale non è una corsa ai regali, il Natale è la nascita di Gesù che è il simbolo della pace, non di tutto questo dolore e queste guerre.
Quest’anno ricordiamoci, quando ci sediamo a tavola tutti insieme, di quanto siamo fortunati, pensiamo che, ancora per una volta abbiamo la possibilità di festeggiare questa bellissima festa.
E in questo Natale, una piccola preghiera per tutte quelle mamme che hanno perso i loro figli in questa guerra, e tutti quei bambini che una mamma e un papà non li hanno più e non sanno più dove andare.
  

Be the first to comment on "Le foto che Facebook censura. Potrebbero essere i nostri figli…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.