700.000 euro donati da Claudio Baglioni per la ricostruzione di Norcia.

Claudio Baglioni si è recato personalmente a Norcia per consegnare i 700.000,00 ricavati dal suo concerto “Avrai” che si è tenuto in vaticano, nell’Aula Nervi, il 17 dicembre 2016.

Tali fondi saranno destinati alla ricostruzione del Centro parrocchiale di Norcia e per l’ospedale pediatrico di Bangui, Capitale della Repubblica Centroafricana.

Il cantante non nasconde l’amore profondo che lo lega all’Umbria, terra natale dei propri genitori, e in particolare del paese di Castelluccio di Norcia. “Castelluccio e la sua piana sono due tra gli angoli del nostro Paese ai quali sono più legato in assoluto.

Da qui, infatti, sono partiti raduni, concerti e alcuni tra i miei progetti artistici più importanti” ha continuato Baglioni “Da Fratello Sole e sorella Luna, l’incisione del 1972 per il film di Zeffirelli, all’avventura di Capitani Coraggiosi che ha preso le mosse proprio da Castelluccio nell’estate 2015”.

“Ritrovarsi a Norcia significa dare concretezza a parole quali vicinanza e solidarietà, dimostrando che, a volte, le parole possono essere ‘pietre’ anche in senso positivo, vale a dire mattoni che aiutano a ricostruire ciò che la furia della natura distrugge” ha continuato il cantante.

“Soprattutto siamo qui per sottolineare il grandissimo valore di umanità e fratellanza del gesto dei bambini di Bangui. Pur vivendo nella Repubblica Centrafricana, che è all’ultimo posto nella classifica mondiale per quanto riguarda il PIL pro-capite, non ci hanno pensato due volte a tendere la mano ai loro piccoli amici di Norcia. Un gesto che è una grande lezione per tutti noi e che fa sperare nel fatto che ‘Fratello Sole’ tornerà presto a riscaldare case e cuori”, queste le parole di Baglioni.

Alla consegna erano presenti tra gli altri, il monsignor Nunzio Galantino, il monsignor Fernando Vergez Alzaga e Domenico Giani (Comandante della Gendarmeria Vaticana)

Be the first to comment on "700.000 euro donati da Claudio Baglioni per la ricostruzione di Norcia."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.