Una donna pubblica su Facebook la foto del proprio figlio Scrivendo…

“Per chiunque stia combattendo contro il cancro o sopportando la chemioterapia. Per chiunque vada incontro a questa terribile malattia. Posto questa foto per riportare tutti alla dura realtà. Questa immagine l’ho scattata questa mattina e serve a dimostrare che la vita non è sempre politicamente corretta e bella. La vita non è bella e il cancro distrugge le persone.
Questa l’ho fatta dopo aver accompagnato Drake in bagno. Sì ha un pannolone perché per il 75% del tempo non è in grado di controllare i propri bisogni fisiologici. E’ pelle e ossa perché non riesce ad ingerire nulla. Questo vuol dire avere un figlio malato di cancro. Un figlio che viene a dormire con voi di notte perché ha paura di morire da solo nel suo letto. Vuol dire avere conversazioni in piena notte con un bambino di 10 anni che ti chiede se andrà in paradiso quando morirà, e se lì incontrerà il suo papà e potrà parlargli e giocare con lui. Vuol dire vederlo troppo debole per alzarsi dal letto, addormentarsi esausto per le terapie mentre qualcuno gli parla, vederlo vomitare ogni medicina che prende, vederlo ingerire 44 pillole per la chemio nel giro di 24 ore.
Dovergli dare la morfina per i troppi dolori, sentirgli dire che ha paura di non arrivare al suo undicesimo compleanno.Questa foto rappresenta tutto questo, rappresenta lui e rappresenta me mentre gli dico che non smetterò mai di combattere con lui e per lui quando lui non potrà farlo. Questo è Drake, tutto il mio mondo. Da quando ho scoperto di essere incinta e per sempre è stato e sarà la mia unica ragione di vita. Il mio sorriso, il mio amore, il mio battito del cuore. Ma anche le mie lacrime e il mio dolore. E’ la mia vita”.

In memoria di tutti quei bambini che giorno dopo Giorno lottano contro il cancro, di chi il mostro lo ha sconfitto per sempre, ma soprattutto di chi è diventato un angelo prematuramente. 

(Fonte web)

Be the first to comment on "Una donna pubblica su Facebook la foto del proprio figlio Scrivendo…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.