Abbandona il figlio in auto per 2 giorni, poi lo porta in ospedale: “Sta male”

Abbandona il figlio in auto per 2 giorn

Abbandona il figlio in auto e lo lascia senza cibo per 2 giorni di seguito.

Abbandona il figlio in auto per 2 giorn
Lovily Johnson, mamma di 22 anni, dello stato del Michigan, negli Stati Uniti d’America è accusata di abusi e di omicidio, dopo aver lasciato morire in macchina il figlio Noah Edward Johnson, di soli 6 mesi.

La donna lo scorso 19 luglio ha portato in ospedale il suo bambino, raccontanto ai medici che aveva avuto un forte malore. Purtroppo per il piccolo Noah non c’era più niente da fare.

La confessione della giovane donna

Ma l’autopsia sul piccolo corpicino ha rivelato dettagli ben più macabri. Il bambino era morto da molte ore, a causa di disidratazione in quanto era rimasto per ben due giorni senza acqua né cibo molto probabilmente in un luogo chiuso e caldo.

Interrogata quindi nuovamente dal detective Wyoming Robert Meredith, la donna ha così finalmente confessato di aver lasciato il figlio in auto per due giorni senza aria condizionata né cure, e di essersene completamente dimenticata. Invece, secondo le accuse a suo carico la giovane mamma avrebbe intenzionalmente lasciato il bambino da solo, non curandosene.

La Johnson apparirà in tribunale il 2 agosto per la sua prima causa in udienza e rischia “la fine pena mai”. Al momento la figlia maggiore, di 2 anni, è stata posta sotto la supervisione del Dipartimento di Stato della sanità e dei servizi umani. Molto probabilmente, come affermano le forze dell’ordine, sarà affidata alla nonna materna.

 

Be the first to comment on "Abbandona il figlio in auto per 2 giorni, poi lo porta in ospedale: “Sta male”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.