Mamma crea impacco alla benzina per eliminare i pidocchi alla figlia: ustionate entrambe gravemente.

Una storia finita in tragedia quella che ha visto una mamma alle prese con un impacco a base di benzina per togliere i pidocchi della figlia. La vicenda è accaduto in Toscana. La bambina aveva i pidocchi e la mamma per cercare di eliminarli ha preparato una soluzione a base di benzina. Ma il tentativo della donna di eliminare i fastidiosi animaletti ha causato una vera e propria tragedia. Le due hanno preso fuoco e sono state ricoverate in gravi condizioni con ustioni su tutto il corpo.

La mamma aveva sentito che i pidocchi possono essere eliminati con la benzina e ha deciso di creare un impacco

La bimba, di 12 anni, aveva preso i pidocchi. La mamma ha provato ad eliminarli dalla testa della bimba con della benzina e altro materiale infiammabile. Ha creato, così, un impacco a base di questa sostanza poiché aveva sentito dire che in questo modo i pidocchi potevano essere eliminati. L’esito dell’esperimento è stato disastroso, infatti, l’impacco ha preso fuoco probabilmente per la vicinanza di una fiamma o proprio in seguito all’applicazione sui capelli che ha creato una sorta di frizione.

La bimba e la mamma sono state divorate dalle fiamme e hanno iniziato a bruciare. Le due sono state trasportate d’urgenza in due ospedali differenti. Infatti, la piccola è ricoverata all’ospedale pediatrico Meyer mentre la mamma è stata trasportata al centro gravi ustionati di Pisa. Entrambe con ustioni davvero molto gravi.

Le zone del corpo della bambina ricoperte dalle ustioni sono la testa, il viso e le braccia mentre la mamma presenta bruciature sugli arti e al volto. Le bruciature sono di secondo e terzo grado. La piccola è stata operata per cercare di ridurre le ustioni ma nonostante ciò l’ospedale ha fatto sapere che verranno sicuramente programmate nuove operazioni per la bambina che è in condizioni davvero brutte.

Be the first to comment on "Mamma crea impacco alla benzina per eliminare i pidocchi alla figlia: ustionate entrambe gravemente."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.