Precipita balcone di casa, il bimbo che giocava nel cortile è incolume.

L’episodio è avvenuto a Vasto in via Ciccarone, i vigili del fuoco sono intervenuti subito sul posto.

Un grosso schianto e tanta paura. Ma per fortuna è finita solo con una nuvola di polvere e macerie. Il crollo di un balcone ha fatto scattare l’allarme nel quartiere di via Ciccarone a Vasto. Il distacco si è verificato nel pomeriggio, intorno alle 15.30. Uno schianto improvviso ha svegliato i residenti dal riposo pomeridiano. Il balcone di cemento, lungo circa 8 metri, si è staccato dal primo piano cadendo improvvisamente nel cortile interno. Qui stava giocando un bambino di tre anni. Chi ha assistito alla scena dice che si è trattato di un vero miracolo che non gli sia accaduto niente. Il bambino si trovava ad appena un metro dal punto in cui è caduto il balcone: a poca distanza da lui pezzi di cemento, calcinacci, ringhiere e vasi di fiori distrutti.

Alla rumorosa caduta è seguita la corsa fuori da gran parte dei famigliari per accertarsi delle condizioni del piccolo; il grande sollievo alla vista del bimbo spaventato.

La palazzina di due piani è abitata da residenti dello stesso nucleo; quando il balcone collassa inspiegabilmente, nell’appartamento al primo piano non c’era nessuno, la famiglia si trovava fuori Vasto. Restano da capire le cause del crollo, nei prossimi giorni gli esami realizzati dai tecnici dovrebbero spiegare perché un intero balcone di 8 metri di lunghezza sia caduto al suolo facendo credere ci fossero conseguenze ben più gravi. C’è da dire, sembra, che lo stabile sia stato recentemente ristrutturato.

Be the first to comment on "Precipita balcone di casa, il bimbo che giocava nel cortile è incolume."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.