Quando la normalità piace più della perfezione.

Tova Leigh

Nella realtà ci sono la pancia da mamma, la cellulite e tante altre cose ma su Instagram è tutto diverso c’è solo perfezione. Pose impeccabili, linee sinuose e una quotidianità da invidiare. Le star di Instagram conquistano ogni giorno i follower con immagini perfette e ammalianti, ma… cosa c’è davvero dietro a queste foto?

Tova Leigh, blogger, mamma, attrice e scrittrice, il 16 maggio ha pubblicato una foto sul suo profilo Instagram che ha preso molti like. Felice dei  complimenti ricevuti, ha deciso di utilizzare la foto anche come immagine del profilo Facebook e ha continuato per qualche giorno con le sue normali attività.

Ma un giorno la lettura di un articolo nel quale si parlava della forte insicurezza che provano alcune persone a causa dei social network e a causa dei confronti con le belle immagini degli altri, l’ha fatta riflettere e ha fatto scattare qualcosa in lei.

Così ha deciso di condividere una foto facesse vedere cosa vi è veramente dietro a quello scatto perfetto ovvero un corpo imperfetto, un look da casa e qualche “filtro magico”.

«Bene, lasciate che vi dica una cosa: questa è la realtà. Con la mia pancia da mamma, la cellulite, le mutande della nonna e assolutamente nessuno spazio tra le cosce di cui vantarsi! Non è il corpo sexy e perfetto che vogliono i soliti standard, ma è imperfettamente favoloso perché è vero e mio».

Il post, che è diventato immediatamente virale e ha ottenuto più di 37mila like, ha incentivato Tova a continuare a parlare con ironia di questo tema, mostrando il “dietro le quinte” delle foto sensuali e estremamente perfette che possiamo vedere su Instagram.
La maggior parte delle sue foto la ritraggono da diverse angolature per mostrare quanto lo stesso soggetto possa cambiare a seconda delle inquadrature. Il successo riscosso da Tova fa pensare forse la normalità possa avere ancora qualche chance.

Tova Leigh

Be the first to comment on "Quando la normalità piace più della perfezione."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.