Elisa muore e lascia 18 regali per la figlioletta: “Così sarò con te fino alla maggiore età”

Elisa Girotto

Elisa Girotto

Elisa Girotto è scomparsa a soli 40 anni dopo aver combattuto a lungo contro una grave malattia, l’ultimo pensiero per la figlia che non vedrà mai crescere.

Gli ha lasciato diciotto regali come gli anni che separano la figlioletta di pochi mesi dalla maggiore età. Solo quelli che ha voluto lasciare Elisa Girotto, 40enne trevigiana venuta a mancare, troppo presto, qualche giorno fa in seguito ad una lunga lotta contro una grave malattia. Si trattava di una forma molto aggressiva di tumore al seno. Dopo aver lottato a lungo per vincere il male, la 40enne originaria di Spresiano, in provincia di Treviso, aveva capito che ormai il tumore aveva preso il sopravvento ed era giunta la consapevolezza che lei non avrebbe mai potuto veder crescere  la piccola Anna.

Elisa Girotto Insieme al marito così ha pensato di lasciare alla bimba un ultimo pensiero, un regalo per ogni compleanno che la bambina festeggerà fino al compimento della maggior età e che le ricorderanno la sua mamma.  Quando i dottori le avevano comunicato che le rimanevano neanche pochi mesi di vita, Elisa, risoluta come sempre, aveva rassicurato il compagno Alessio: “Riusciremo a fare tutto lo stesso”. Insieme, infatti, hanno preparato il matrimonio, celebrato in anticipo lo scorso 12 agosto, e insieme infine hanno deciso di trovare un soluzione perché lei potesse rimanere in qualche modo sempre vicino alla sua piccolina. Diciotto regali, incluso quello finale: un mappamondo che indicava tutte le città che lei avrebbe voluto visitare insieme alla figlia con l’invito a girare e a conoscere il mondo.

Be the first to comment on "Elisa muore e lascia 18 regali per la figlioletta: “Così sarò con te fino alla maggiore età”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.