Stava morendo, così le hanno messo la gemellina vicino. L’abbraccio che ha cambiato la storia della medicina

Gayle Kasparian

Questa bambina stava morendo così l’infermiera le ha messo la gemellina vicino. Tutto a un tratto è accaduto un Miracolo…

Gayle KasparianVent’anni fa, non era comune per i piccoli appena nati nell’unità di terapia intensiva neonatale condividere un incubatrice. All’epoca, la comunità medica era dell’opinione che i bambini prematuri fossero troppo fragili e delicati. Però, un’infermiera ha rivoluzionato tutto questo.  Nel 1995 a Worcester, le figlie gemelle di Paul Jackson erano nate 12 settimane prima della fine del tempo e, nonostante fosse stato avvertito che le cose potevano rapidamente volgete per il peggio, le gemelline sembravano essere in condizioni stabili.

Nonostante ciò, dopo tre settimane dal parto, una delle due gemelline ha iniziato a lottare per la sua vita. Respirava a fatica, la sua frequenza cardiaca salì, il suo livello di ossigeno iniziò a scendere tanto da diventare bluastra.
Gayle Kasparian, una delle infermiere, ebbe l’idea di fare qualcosa che a quel tempo veniva realizzato soltanto Europa, ma che non era ancora stato fatto negli Stati Uniti. Ha proposto di prendere la gemella più forte, Kyrie, e metterla all’interno dell’incubatrice con la sorella Brielle, quella che stava poco bene. Il risultato è stato pazzesco, un vero e proprio miracolo.
Gayle KasparianIn pochissimo tempo, Kyrie si spostò e mise il suo braccino intorno a sua sorella. Brielle, che combatteva per la sua vita, iniziò subito a stabilizzarsi. Infatti, sia la sua frequenza cardiaca che la respirazione tornarono alla normalità.
Quel momento dolce fece la storia quando un fotografo giornalistico, che era appena giunto in ospedale, scattò un’immagine dell’abbraccio dei gemelli.  L’immagine, che mostra la potenza curativa del tocco, è diventata nota come “Salvataggio dell’abbraccio” ed è apparso nella rivista Life e nel Reader’s Digest.

Se non fosse stato per qull’incredibile decisione di mettere insieme le gemelline, i medici potrebbero non aver mai scoperto gli incredibili vantaggi del contatto skin-to-skin. Da quell’occasione, i neonati prematuri vengono trattati ogni volta in questo modo, conosciuto come “la cura del canguro”, alcuni anche di 23 settimane.
Kyrie e Brielle sono potute crescere insieme grazie a quell’infermiera la cui idea ha portato ad un abbraccio che ha per sempre cambiato il modo in cui i bambini prematuri vengono curati.

Be the first to comment on "Stava morendo, così le hanno messo la gemellina vicino. L’abbraccio che ha cambiato la storia della medicina"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.