A 98 anni Ada si trasferisce per prendersi cura del figlio: “Non si smette di essere mamme”

Ada Keating

La storia di una donna di 98 anni che ha deciso di non lasciare da solo il figlio di 80 anni e quindi si è trasferita nella sua stessa casa di riposo.

Ada KeatingSi sa che le mamme darebbero tutto anche la loro vita per i propri figli, prodigandosi in tutti i modi per aiutarli e sostenerli nel corso della loro crescita, poi ci sono mamme che vanno bene oltre il prendersi cura dei figli anche quando questi sono già uomini ma quello a cui è arrivata a fare la signora Ada supera tutti. La donna britannica alla veneranda età di 98 anni, infatti, ha deciso di trasferirsi per stare ancora vicino al proprio figlio e per poterlo così aiutare con i suoi problemi di salute. Come riporta il quotidiano locale Liverpool Echo, tutto è accaduto quando all’uomo, che ha 80 anni e vive da qualche tempo in una casa di riposo, sono stati diagnosticati alcuni problemi di salute.

Ada KeatingAllora la donna, Ada Keating, non ci ha pensato due volte: ha lasciato le comodità di casa sua e ha deciso di trasferirsi anche lei nella stessa casa di riposo per non ‘abbandonare’ il suo amato figlio Tom solo nel momento più difficile. Peraltro mamma e figlio sono da sempre inseparabili dato che lui non si è mai sposato e ha trascorso tutta la sua vita con la madre. “È molto brava a prendersi cura di me. A volte mi sgrida anche” ha fatto sapere l’80enne. “Gli dico buona notte tutte le sere nella sua stanza e poi me ne vado e il giorno dopo gli do il buongiorno”, ha detto la mamma Ada, assicurando: “Quando vado dal parrucchiere lui mi aspetta. E quando torno mi dà un grosso abbraccio perché non smetti mai di essere mamma”.

Be the first to comment on "A 98 anni Ada si trasferisce per prendersi cura del figlio: “Non si smette di essere mamme”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.