Il grande cuore di Jacopo: vende i suoi giocattoli per aiutare i bambini terremotati di Ischia

Jacopo

Il piccolo Jacopo vive a Ginevra, ma il 21 agosto era sull’isola in vacanza quando vi è stata la scossa. Ha ricavato 500 euro

Più di due mesi fa, precisamente alle 20:57, una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.0 della scala Richter, con epicentro in mare vicino al faro di Punta Imperatore, ha fatto tremare l’isola d’Ischia, Napoli, e ha colpito in particolare i Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno, i più danneggiati dagli effetti della scossa di terremoto. Ma Jacopo non si è dimenticato di quel terribile 21 agosto. Il boato e la forte scossa, lui era a letto malato con l’influenza. In vacanza a Casamicciola, con papà Umberto (originario dell’isola d’Ischia) e mamma Valeria, direttamente da Ginevra, dove vive. I ricordi di quel giorno di terrore riaffiorano nella mente del piccolo Jacopo, che ha appena otto anni. E che, tornato in Svizzera, si rivolge ai genitori con candore e convinzione: “Aiutiamo i bimbi di Casamicciola?”.

JacopoI genitori acconsentono orgogliosi del loro piccolo ometto. Allora, il piccolo Jacopo, si rimbocca le maniche sul serio e nel mercato all’aperto del suo quartiere prende la decisione di vendere i suoi giocattoli, oggetti cari per un bambino.

Con l’aiuto di mamma e papà, il bambino riesce a raccogliere cinquecento euro. Nei giorni passati, alla porta dell’associazione Catena alimentare, che fornisce il suo sostegno ai bisognosi dell’intera isola d’Ischia, va a bussare proprio lui, Jacopo.

“E ci ha consegnato i soldi, emozionato. – ha fatto sapere Francesco Di Noto Morgera, uno dei responsabili- Gli abbiamo promesso che ogni centesimo andrà ai bambini che, in seguito al terremoto, hanno difficoltà a comprare giochi, libri, scarpette per giocare a calcio”. Jacopo ha sorriso: la rinuncia ai suoi giocattoli aiuterà a restituire il sorriso ai suoi coetanei casamicciolesi.

Be the first to comment on "Il grande cuore di Jacopo: vende i suoi giocattoli per aiutare i bambini terremotati di Ischia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.