“Caso unico al mondo”: sopravvive bimba nata dopo 21 settimane dal concepimento, è un piccolo miracolo!

Courtney Stensrud

Courtney Stensrud oggi ha tre anni e a parere dei medici mai nessuno prima di lei era riuscito a sopravvivere dopo una gravidanza tanto breve.

Courtney StensrudSi chiama Courtney Stensrud, è una bimba di tre anni ed il fatto che sia ancora in vita è un piccolo miracolo. Infatti, la neonata è venuta al mondo solo a 21 settimane e quattro giorni dopo il suo concepimento, in pratica molto prima dello scadere dei nove mesi, che di solito è il tempo necessario per un feto di formarsi completamente. “Si tratta – informa la rivista specializzata Pediatrics – del caso più importante di bambino nato prematuramente e sopravvissuto finora in nostra conoscenza”. Di fatti è opinione diffusa tra pediatri ed ostetriche che 22 settimane di gestazione siano la soglia minima, questo perché prima di questo periodo non si erano mai sviluppate le funzioni vitali necessarie affinché un bambino possa vivere.

Courtney Stensrud“Sono capitati casi di bambini nati dopo 22 oppure 23 settimane, ma mai dopo solo 21 settimane”, ha dichiarato la madre della bambina. Poco dopo la nascita della piccola, la donna, che oggi ha 35 anni, era stata messa in guardia dal medico neonatologo Kaashif Ahmad. Il dottore la aveva avvertita del fatto che le possibilità che la figlia sarebbe riuscita a sopravvivere dopo un parto così prematuro erano davvero basse. “Io lo ascoltavo con mia figlia in braccio e pensavo che ce l’avrebbe fatta se avessi fatto affidamento su tutta la fede che ho”. Nonostante le avvertenze del medico, oggi Courtney Stensrud ha tre anni ed è una splendida bambina perfettamente sana. I medici sono dell’opinione che la sua sopravvivenza sia un evento più unico che raro.

Be the first to comment on "“Caso unico al mondo”: sopravvive bimba nata dopo 21 settimane dal concepimento, è un piccolo miracolo!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.