Bono degli U2: “La morte non ha potere su di me perché Gesù è morto anche per me”

Bono

Il famoso cantante irlandese degli U2 riflette sui Salmi e sulla vita cristiana. E ricorda il suo viaggio in Terra Santa: “Qui la morte è morta”.

L’artista irlandese ammette che “la morte non ha più potere su di me come ne ha avuta a 14 anni, quando è morta mia madre. Una parte della nostra psicologia si basa sulla paura della morte. La Scrittura dice che ora vediamo come in uno specchio, ma allora vedremo faccia a faccia. Sapendo ciò, la vita è più facile. Io non vedo l’ora di vederci chiaro, su tutto!”.

Bono“Ero a Gerusalemme in pellegrinaggio con la mia famiglia, e andai sul Golgota dove Gesù fu crocifisso. Trascorsi lì un po’ di tempo, da solo, dove la morte è morta. Pensavo proprio questo: ‘Qui la morte è morta perché Gesù l’ha vinta’”, ha dichiarato Bono, il famoso cantante degli U2, durante delle interviste che ha rilasciato, nelle quali ha parlando dei salmi e della fede cristiana.

Paul David Hewson (Bono) ha partecipato alla videoserie Bono & David Taylor: Beyond the Psalms, prodotta dalla Fuller Theological Seminary, un’istituzione evangelica la cui sede è in California.

Bono ha affermato che “la cosa più difficile che richiedono i salmi è l’onestà. Leggo la Sacra Scrittura e vi trovo adulteri, assassini, egomaniaci… come molti dei miei amici! Quella che David fa al marito di Betsabea è incredibile… È un passaggio così buio. Ma nei salmi successivi si riflette tutta la grazia e la redenzione. 

È l’onestà a caratterizzare questi versi. Non possiamo piacere a Dio se non essendo brutalmente onesti. Questa è la radice del nostro rapporto con Dio. 

L’unico problema che Dio non può risolvere è quello che proviamo a nascondere”.

Be the first to comment on "Bono degli U2: “La morte non ha potere su di me perché Gesù è morto anche per me”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.