Perché si festeggia la festa del papà?

0
3
SONY DSC

La festa del papà è una ricorrenza diffusa in tutto il mondo. Mentre in Italia viene festeggiata il 19 Marzo, il giorno di San Giuseppe, in altre zone del mondo la festa si svolge in date differenti legate alle diverse tradizioni popolari e religiose.
La figura paterna venne festeggiata per la prima volta il 5 luglio 1908 in un paese della West Virginia. Appena un anno dopo una signora che nulla sapeva dell’evento del luglio precedente, ascoltando un sermone in chiesa durante la festa della mamma, pensò di proporre l’ufficializzazione della festa del papà e la organizzò il 19 giugno 1910, nel mese della nascita di suo padre. Da allora negli Stati Uniti la festa del papà si tiene nella terza domenica di giugno.
Di solito la festa viene accompagnata dalla consegna del regalo. Di solito nelle scuole dell’infanzia, elementari e medie, i bambini e ragazzi creano dei lavoretti da portare a casa (come poesie o filastrocche da recitare, sassi colorati, cornici con dediche ai propri papà). La fantasia dei bambini si scatena.
In Italia la festa si celebrava il 19 marzo già nell’antichità. Questo giorno infatti, coincideva con la vigilia dell’equinozio di primavera in cui, all’epoca dei romani, si svolgevano i baccanali, dei riti per il raccolto. Ancora oggi in alcune regioni si fanno dei falò dei residui del raccolto dell’anno precedente.
Ma perché festeggiare il papà?
Il papà è un importante punto di riferimento per i figli, che sono sempre al suo fianco a chiedere consigli ed infonde un senso di sicurezza e serenità all’interno della famiglia. D’altronde, il papà è più unico che raro. Tanti auguri a tutti i papà!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here